X

Come funziona la carica a induzione?

Proprio come per gli spazzolini da denti o il telefonino: dovrete semplicemente posizionare i vostri apparecchi acustici nell’apposito vano e la tecnologia a induzione farà il resto. Con questo tipo di ricarica, l’energia elettrica viene trasferita da un oggetto all’altro senza contatti di carica. La caratteristica essenziale è che l’energia elettrica richiesta per il funzionamento viene fornita non utilizzando cavi e contatti elettrici, ma piuttosto campi elettromagnetici wireless.

Per poter caricare i dispositivi tramite induzione, le celle di alimentazione devono essere collegate a una speciale bobina del ricevitore, mentre è necessaria una seconda bobina all’interno della stazione di carica. Una volta collocato l’apparecchio acustico nell’apposito caricatore, la ricarica inizia in maniera automatica. È fondamentale mantenere vicini i due dispositivi: la distanza massima deve corrispondere approssimativamente al raggio delle bobine per garantire un trasferimento ottimale di energia. Con una vicinanza di pochi centimetri – come nel caso degli spazzolini da denti, degli smartphone e degli apparecchi acustici – la tecnologia funziona con un grado relativamente alto di efficienza, circa il 90%.

Il principale vantaggio di questa tecnologia è la comodità: potrete ricaricare con facilità i vostri apparecchi acustici quando non vi servono, ad esempio mentre dormite. Il processo di carica è molto semplice, considerato che non dovete collocare i prodotti in corrispondenza dei contatti. Inoltre non è necessario sostituire regolarmente le pile, un aspetto che non riguarda solo la comodità ma anche i costi, notevolmente ridotti, e il rispetto per l’ambiente!

Scoprite gli apparecchi acustici Signia con carica a induzione: Pure Charge&Go Nx e Cellion primax!