X
Molte persone che soffrono di acufene lo trovano fastidioso, motivo di distrazione e addirittura angosciante. Se c'è un problema, ci deve essere una cura, e stiamo cercando di trovarla.
2019-05-07

Tag

Tinnitus: esiste una cura?

Molte persone che soffrono di acufene lo trovano fastidioso, motivo di distrazione e addirittura angosciante. Se c'è un problema, ci deve essere una cura, e stiamo cercando di trovarla.

Come molte altre condizioni che influenzano l’udito, l’acufene può avere impatti anche sulla qualità della vita. Molte persone con problemi di acufene sostengono di avere difficoltà a pensare, dormire, concentrarsi o godersi il silenzio. L’acufene non trattato può causare ancora più danni, portando a irritabilità, insonnia e persino depressione.

Con così tante persone in difficoltà, gli audiologi di tutto il mondo sono alla ricerca di soluzioni che possano curare l’acufene o almeno alleviarlo. Tuttavia, al fine di diagnosticare e trattare l’acufene, la condizione deve essere studiata e compresa. Se avete problemi di acufene, o conoscete qualcuno che soffre di tinnitus, questa informazione potrebbe aiutarvi a trovare alcune soluzioni.

Cos’è il tinnitus?

L’acufene è un problema che può assumere molte forme. Mentre la maggior parte delle persone identifica l’acufene come un “fischio” nelle orecchie, il suono può variare tra ronzio acuto o sibilante, a ruggiti bassi. Il tono e l’intensità dell’acufene dipendono dalla persona.

Molte persone sono in grado di ignorarlo, mentre altre devono ricorrere a musica o rumore bianco per dormire e concentrarsi. Più forte è l’acufene, meno il silenzio diventa piacevole. In casi estremi, l’acufene può anche limitare l’udito, soffocando gli altri suoni e rendendo difficile la comprensione degli altri.

Contrariamente alla credenza popolare, l’acufene non è una condizione a sé stante. In realtà è un sintomo di un problema più grande: di solito perdita dell’udito o danno circolatorio. L’acufene può anche essere causato da lesioni all’orecchio o al condotto uditivo. Prima di poter curare l’acufene, è necessario capirne le cause. La scoperta del problema principale può aiutarvi a trovare la migliore soluzione al problema.

Cosa causa l’acufene?

Sono diverse le cause dell’acufene, ma la più comune è la perdita uditiva. Se l’acufene è presente in entrambe le orecchie e il medico ha stabilito che si tratta di acufene soggettivo, è probabile che si stia soffrendo di una forma di perdita uditiva. I casi oggettivi di acufene, quelli che il medico può confermare fisicamente, sono solitamente causati da problemi circolatori.

Ci sono altre cause scatenanti, ma potrebbero essere più rare. Tumori, tappi di cerume, ferite dell’orecchio, ATM e altre malattie del sangue possono causare tinnitus in una o entrambe le orecchie. Se pensate di avere problemi di acufene vi consigliamo di contattare un medico per ricevere una diagnosi accurata e per poter cercare trattamenti adatti a voi. Il trattamento dell’acufene varia a seconda delle cause.

Quali opzioni sono disponibili per chi ha problemi di acufene dovuti a un’ipoacusia? In questo caso l’acufene può essere curato?

Esiste una cura?

Come molte altre condizioni che coinvolgono la perdita dell’udito, non esiste una “cura” sicura per l’acufene. La parola “cura” suggerisce una soluzione unica che risolve completamente il problema. Tuttavia, al momento non esiste una tecnologia in grado di invertire completamente la perdita dell’udito. Il meglio che possiamo fare è prevenire ulteriori danni e offrire soluzioni che riducano gli effetti dell’acufene.

Tuttavia, ciò non vuol dire che l’acufene non possa essere trattato in modo efficace. Molte persone con acufeni sono in grado di trovare soddisfazione con i loro piani di trattamento. Ciò potrebbe coinvolgere apparecchi acustici, mascheratori di acufeni e altri dispositivi. Questi trattamenti possono aiutare a migliorare la perdita dell’udito o mascherare il suono dell’acufene in modo da poter concentrarsi sugli altri suoni.

Alcune persone potrebbero sentirsi scoraggiate dal fatto che l’acufene non ha “cura”. L’acufene è simile al diabete o altre condizioni croniche: sebbene non esista una soluzione chiara, esistono diverse opzioni per il trattamento.

Se non si utilizza una protezione acustica adeguata, la perdita dell’udito e l’acufene possono peggiorare nel tempo. È importante cercare una diagnosi in anticipo e iniziare a prendere precauzioni anche in presenza di forti rumori. Oltre prevenire ulteriori danni, l’azione precoce può anche aiutare a ridurre frustrazioni,  depressione e ansia legate all’acufene.

Come sbarazzarsi dell’acufene?

Non esiste un modo infallibile per curare l’acufene, ma sono disponibili diversi trattamenti che potrebbero aiutarvi a migliorare la condizione, permettendovi di concentrarvi sugli altri suoni circostanti. Alcuni strumenti per il trattamento sono: apparecchi acustici, generatori di rumore bianco e mascheratori per l’acufene.

Se avete una ipoacusia profonda, gli apparecchi acustici possono aiutarvi a sentire il mondo circostante, soffocando di conseguenza il rumore del tinnitus.

Alcuni apparecchi acustici sono dotati anche di mascheratori di acufene, che producono terapie sonore in grado di mascherare l’acufene quando si è in silenzio. I mascheratori di acufene funzionano fornendo un rumore bianco di basso livello o altre forme di suono che sovrastano il ronzio.

I generatori di rumore bianco possono essere utilizzati anche mentre si dorme, studia o ci si rilassa. Se pensate di poter trarre beneficio da un generatore di rumori bianchi o da un mascheratore di acufene, provate a camuffare l’acufene con vari suoni: ad esempio, provate ad accostare l’orecchio vicino a un rubinetto aperto. Se il suono dell’acqua allevia l’acufene, il mascheratore o il generatore di rumore bianco potrebbe fare per voi.

Tuttavia, se l’acufene deriva dalla perdita dell’udito, gli apparecchi acustici potrebbero essere la migliore opzione per il trattamento.

Se non avete ricevuto una diagnosi di acufene, o volete scoprite le differenti tipologie di mascheratori e apparecchi acustici, vi consigliamo di rivolgervi a un medico.

Rimanete aggiornati ed iscrivetevi alla nostra newsletter